www.marconundini.it

ilFilografo

Marco Nundini dal reportage alla scrittura creativa

Il sito ufficiale dell'autore: Marco Nundini, travel writer, fotografo, columnist di cultura del viaggio, narratore errante. Dall'attività sui travel magazine alla scrittura creativa, sino all'acquisizione del marchio editoriale indipendente ilFilografo

Loreta Assensi investigatrice nei giaali di Marco Nundini

Una giovane investigatrice tra Verona e il mondo

Si chiama Loreta Assensi, è un ispettore dell'Anticrimine veronese. Perfettamente a suo agio con le nuove tecnologie si trova però a disagio con tutto ciò che riguarda il passato. E' una donna dotata di una sensualità aspra, forgiata dalle esperienze della vita, abituata alle sveglie non programmate. Quelle improvvise, fatte di squilli nel cuore della notte, quando l’adrenalina ti fa saltare nel letto obbligandoti a riprendere il controllo del tuo corpo in pochi secondi. Giovane, tanto sensuale quanto sensibile, si trova coinvolta in indagini molto più grandi delle iniziali aspettative che la scena del crimine lascerebbe ad intendere. 
 

Descrizione immagine

Travel writer: gli anni trascorsi a raccontare luoghi e persone

Viaggiare è il modo migliore per allargare i propri orizzonti. Raccontare il viaggio è dunque un privilegio. Marco Nundini esordisce sulla carta stampata con un reportage dedicato al Norte dell'Argentina per i tipi della Fioratti Editore. Questo lavoro, ma sarebbe meglio dire questa passione, lo porterà a viaggiare, per oltre un decennio, da un lato all'altro del globo terracqueo. A soggiornare per lunghi periodi in angoli remoti del pianeta, viaggiare per mesi con chiassosi autobus indiani, sorvolare il Laos con arruginiti elicotteri, camminare tra i sentieri della Terra del Fuoco, dormire in tenda tra gli orsi dell'Alaska.

Descrizione immagine

Isole Erranti

narratore on the road

Sono storie di isole. L'isola nell'isola, spazio immaginario nella dimensione fisica di un frammento di crosta terrestre circondato dalle acque. L'isola di pura spiritualità, che si eleva dal mondo materialistico per toccare l'invisibile, centro di pace interiore. L'isola di pietra che svetta in un deserto di sale, mare di solitudine spazzata dal vento, crogiolo di storie antiche come la terra. Ma c'è anche l'isola immaginaria, la storia che ogni travel writer decide di adottare, di fare sua, di trasformare in narrazione fatta di parole ed emozioni. Quelle che lo sovrastano al punto di non fargli più capire da dove viene e dove sta andando. Emozioni vere.